ALLARME ENEL CONTRO LA NUOVA TRUFFA: “Nessuna mail di verifica da parte nostra. Non aprite il link, contiene virus.”

ALLARME ENEL CONTRO LA NUOVA TRUFFA: “Nessuna mail di verifica da parte nostra. Non aprite il link, contiene virus.”

Ancora truffe a discapito degli utenti e questa volta sotto le finte spoglie dell’Enel. E’ questa la compagnia che stavolta i truffatori hanno preso di mira e che utilizzano fingendosi essa per contattare gli utenti e farci cascare i meno attenti. Enel allora lancia un allarme e avvisa: “A seguito di segnalazioni di mail dal contenuto ingannevole, inviate da un indirizzo apparentemente riferito a una società del gruppo Enel, l’azienda ha avviato tutte le azioni…

Continua a leggere

PADRE E FIGLIA RUMENI TRUFFANO UN TERNANO: Comprata l’auto con assegno scoperto

PADRE E FIGLIA RUMENI TRUFFANO UN TERNANO: Comprata l’auto con assegno scoperto

La figlia, una giovane rumena, avvicinava i clienti mettendo dei bigliettini sui finestrini delle auto con scritto “Si comprano auto usate anche da rottamare pagamento in contanti”, poi il padre, pluripregiudicato, organizzava la truffa. Un ternano, lo scorso giugno, leggendo il biglietto, ha deciso di chiamare per vendere la sua monovolume per 15.000 euro.  Si è presentata la giovane rumena che ha scattato delle foto all’auto ed ha organizzato un incontro con l’acquirente, un connazionale che lavorava…

Continua a leggere

TRUFFE DROGA E PISTOLE DENUNCIATI 4 ITALIANI: Compravano merce con assegni rubati, trovate in casa 33 piante di marijuana

TRUFFE DROGA E PISTOLE DENUNCIATI 4 ITALIANI: Compravano merce con assegni rubati, trovate in casa 33 piante di marijuana

Una banda composta da quattro italiani  è stata sgominata dalla squadra mobile dopo le denunce dei commercianti intimoriti con spari esplosi con scacciacani modificate. In casa avevano anche 33 piante di marijuana, ma anche generi alimentari, come prosciutti e formaggi, ad altro materiale vario, tra cui mobili da ufficio e arredi da giardino, il tutto per un valore di circa 20.000 mila euro, frutto delle loro truffe compiute acquistando illecitamente, con assegni rubati, ai danni di…

Continua a leggere

AMMINISTRATRICE DI CONDOMINIO TRUFFA 200 FAMIGLIE : 600 MILA EURO SOTTRATTI AI CONDOMINI

AMMINISTRATRICE DI CONDOMINIO TRUFFA 200 FAMIGLIE : 600 MILA EURO SOTTRATTI AI CONDOMINI

Amministratrice di condominio raggira 200 condomini, la guardia di finanza la denuncia per falso e appropriazione indebita. Avrebbe raggirato almeno 200 famiglie, utilizzando per scopi personali circa 600 mila euro versati per il pagamento di acqua, luce e gas: per questo un’amministratrice di condominio di Terni di 47 anni è stata denunciata dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza per appropriazione indebita e falsità in scrittura privata. L’indagine, svolta anche con l’aiuto di…

Continua a leggere

ASSOCIAZIONE A DELINQUERE E TRUFFA :ECCO L’AVVISO DI GARANZIA NOTIFICATO ALL’EX VESCOVO PAGLIA

ASSOCIAZIONE A DELINQUERE E TRUFFA :ECCO L’AVVISO DI GARANZIA NOTIFICATO ALL’EX VESCOVO PAGLIA

Usati i soldi della diocesi per operazioni immobiliari . Monsignor Paglia indagato per la compravendita del castello di Narni  l’accusa: associazione a delinquere e truffa , è quanto si legge nell’avviso di garanzia pubblicato oggi dal Corriere della Sera   La procura di Terni chiude le indagini sulla compravendita del castello di San Girolamo e contesta l’associazione per delinquere oltre a numerosi reati per l’irregolarità della gara pubblica. Tra gli indagati, Monsignor Vincenzo Paglia –…

Continua a leggere

L’EX VESCOVO PAGLIA INDAGATO PER TRUFFA ?

L’EX VESCOVO PAGLIA INDAGATO PER TRUFFA ?

Chissà per quanto tempo ancora lo vedremo fare le comparsate nella televisione nazionale , da dove dispensa parole di misericordia divina , appelli alla carità cristiana  e ai valori della famiglia , mentre nessuno dei commentatori gli ricorda il buco milionario che ha lasciato nella diocesi di Terni ? E’ notizia di ieri che il sostituto procuratore Elisabetta Massini avrebbe formalmente concluso le indagini preliminari relative alla compravendita del castello narnese di San Girolamo, vicenda…

Continua a leggere

FALSI RICOVERI A NARNI : RINVIATE A GIUDIZIO 48 PERSONE

FALSI RICOVERI A NARNI : RINVIATE A GIUDIZIO 48 PERSONE

Falsi ricoveri a Narni e Amelia per evitare la prenotazione e il pagamento del tiket , così con l’accusa di truffa sono stati rinviati a giudizio 48 persone, tra dipendenti dell’Asl, amici e parenti. Il processo si terrà a dicembre. A richiedere il rinvio a giudizio al Gip del Tribunale di Terni, Simona Tordelli, è stato il magistrato Raffaele Pesiri. Le indagini erano state avviate dai carabinieri del Nas di Perugia nel 2012 e su…

Continua a leggere