UMBRIA ADDIO, IL FUTURO DEI GIOVANI E’ ALTROVE: negli ultimi tre anni se ne sono andati in oltre 9mila

Sono ben 9mila 181 i giovani umbri, di età compresa tra i 25 ed i 40 anni ad essersene andati a vivere in altre regioni o all’estero, negli ultimi tre anni.

I dati Istat parlano chiaro: dal primo gennaio 2012 al primo gennaio 2015 il numero di coloro che hanno tra 25 e 40 anni in Umbria è sceso del 5,3%, circa un terzo in più del dato medio nazionale (-4%). In particolare, nella fascia d’età 25-30, mentre nella media nazionale la flessione è dello 0,3%, in Umbria è di ben il 4%.

Aumenta invece, sia in Italia (+6,1%) che nella regione (+4,6%), il numero di coloro che hanno più di 50 anni. E nel triennio cresce, sia nella media nazionale (+2,3%) che nella regione (+1,3%), la popolazione totale. Che, con questi dati, risulta più anziana con tutto ciò che questo comporta (maggiore spesa sanitaria e sociale, maggiore resistenza al cambiamento, minore spinta verso il futuro).

egyptair-boeing-777

I giovani quindi se ne vanno, alla ricerca di migliori opportunità.

E se ne vanno in misura maggiore di quanto non avvenga a livello nazionale.

Come visto, sono impietosi con l’Umbria i dati dell’Istat sui residenti. Evidenziano come dalla regione se ne siano andati, e se ne stiano andando, migliaia di giovani nella fascia 25-40 anni, quella più produttiva, abbassando il Pil (prodotto interno lordo della regione) potenziale.

Una situazione generale che è un doppio specchio: quello dell’impatto della recessione, che nella regione come noto è stata più pesante rispetto a quella già durissima della media nazionale, e quello di un declino strutturale, di lungo periodo.

COMMENTI