Nella notte di sabato 2 aprile, armato di balestra e frecce dalla punta di acciaio ben acuminate ed estremamente affilate, un uomo ternano è andato a caccia di cinghiali.

Ne ha ucciso uno con la propria arma, trapassandolo totalmente con una freccia, poi lo ha portato davanti alla propria abitazione dove ha iniziato a scuoiarlo ed eviscerarlo.

La caccia è avvenuta nella zona di Villapalma, a Terni, tra Via Casagrande e Via Cerqueto.

A ridosso di quella zona boschiva gli uomini della Forestale hanno notato strani movimenti nella corte di un’abitazione. Avvicinati per i controlli hanno scoperto che l’uomo stava appunto scuoiando l’animale.

cinghiale

Il personale Forestale ha quindi proceduto a denunciare a piede libero il responsabile degli illeciti penali accertati alla procura di Terni, per esercizio di caccia in epoca di divieto generale e con l’ausilio di mezzi di caccia vietati. L’uomo ora rischia la pena dell’arresto da tre mesi a un anno e l’ammenda da 929 a 4.131 euro, oltre ad una incriminazione per furto venatorio ai danni dello Stato in quanto privo di licenza da caccia.

L’animale ed i mezzi di caccia sono stati sequestrati.

Nella zona in cui è stato catturato l’animale, prima periferia ternana a ridosso del raccordo autostradale Terni – Orte, si è insidiato da diverso tempo un gruppo di cinghiali che lo utilizza come rifugio.

Questa presenza ha però destato preoccupazione tra la popolazione del posto, che ha inoltrato esposti e segnalazioni affinché potesse risolversi il problema degli animali che girovagavano abitualmente tra i vari giardini. E’ possibile, secondo gli inquirenti, che la permanenza degli animali in zona sia dovuta anche alla pratica del foraggiamento con mais utilizzata dai bracconieri per indurre i cinghiali a restare nei paraggi.

CONDIVIDI
, , , , , , , , ,
ALTRE NOTIZIE
Latest Posts from