TERNI, LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NON DECOLLA: forse poca informazione, di sicuro tanta spazzatura per le vie del centro

 

L’Asm ci prova e arriva la raccolta differenziata porta a porta anche nella nostra città.

Da alcuni giorni ha fatto pervenire nella cassetta delle poste dei ternani residenti in centro storico, ma anche in quella di chi vive in grandi quartieri periferici come Polymer-Sabbione o Borgo Rivo, un’informativa che entro pochi giorni si sarebbe cambiato registro e che ciascuno si sarebbe dovuto dotare di appositi raccoglitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. Poi, da ieri ha iniziato effettivamente a distribuire non solo i contenitori, ma anche piccole brochure che ben spiegano cosa differenziare, dove e come. Da oggi, ha tolto i cassonetti, perché in teoria non sarebbero più dovuti servire dato che si supponeva avesse informato a dovere i cittadini.

Il risultato però è stato del tutto diverso da quello che ci si era aspettati.

Sporcizia in molte strade della città, con buste e buste della spazzatura buttate a terra nei luoghi dove fino al giorno prima vi erano i cassonetti dell’indifferenziata.

rifiuti raccolta asm

Forse il messaggio non è arrivato, la campagna informativa evidentemente non ha funzionato, forse qualcosa è andato storto o forse, ancora una volta, si è troppo incivili disattenti e disinteressati per impegnarsi quel poco che serve per rendere la nostra città migliore, perché se in tutto il resto d’Italia la raccolta differenziata c’è e funziona, vuol dire che si può fare.

Se a Terni l’inizio è stato un flop, forse è necessario fare un passo indietro accompagnato da un grande e collettivo mea culpa: operatori, cittadini e comunicatori.