I controlli in città non si fermano e gli uomini della Polizia vanno avanti con il lavoro.

In questi giorni sono stati espulsi diversi uomini, irregolari alcuni, inottemperanti altri, con precedenti penali altri ancora.

Ad essere stati trasferiti al Cie di Brindisi sono due albanesi di 27 e 28 anni da cui saranno rimpatriati, dopo essere stati trovati al tavolo da gioco di un locale la notte del 13 febbraio dagli agenti della mobile. Erano irregolari in Italia perché rientrati clandestinamente dopo essere stati espulsi a seguito di condanne, erano stati di nuovo arrestati e i loro avvocati, nell’udienza di convalida, avevano chiesto il rinvio del processo.

Le telecamere di sicurezza in via Mazzini poi, hanno ripreso un cittadino marocchino mentre armeggiava in modo sospetto davanti ad una saracinesca di un negozio.

rissa immigrati

E’ stato fermato ed identificato; ha 26 anni, ha precedenti penali ed è risultata già una precedente espulsione dal territorio nazionale. Il giovane è stato nuovamente denunciato, questa volta per inottemperanza all’ordine e nuovamente espulso.

Anche un venezuelano di 49 anni è stato denunciato ed espulso dal paese perché inottemperante ad una precedente espulsione.

Per un cittadino slovacco invece c’è stato l’allontanamento dalla città di Terni. L’uomo è stato fermato mentre vagabondava per le vie del centro storico.

Una volta effettuati i controlli in centrale, l’uomo è risultato inottemperante a precedenti denunce di allontanamento, sia da Terni che da altre città, oltre che con numerosi precedenti penali a carico per lesioni personali, porto di oggetti atti ad offendere e una condanna per violenza sessuale aggravata e atti sessuali su minori commessi nella città di Siena.

CONDIVIDI
, , , , , , , ,
ALTRE NOTIZIE
Latest Posts from