L’attentato che vede oggi protagonista Bruxelles colpisce in qualche modo più da vicino anche la nostra regione.

L’attentato infatti, che ha visto esplodere ordigni all’aeroporto ed in metropolitana, causando almeno 28 morti, è stato effettuato vicino alla sede del palazzo che ospita la Commissione Europea.

In quella zona, oggi devastata dalle esplosioni, vi è anche la sede della Regione Umbria. Tre le funzionarie che vi lavorano. Fortunatamente, stanno tutte bene.

islam aereporto bruxelles
Il momento dello scoppio della bomba all’aereoporto

Non appena la Presidente della Giunta regionale Catiuscia Marini ha appreso la notizia, si è subito messa in contatto con la sede della Regione a Bruxelles, dove ha ricevuto rassicurazioni sulle condizioni delle tre donne.

In un’intervista rilasciata all’agenzia Ansa, Maria Paola Simone, responsabile degli uffici ha spiegato che la bomba piazzata nella metropolitana si trovava proprio nella linea che le donne percorrevano solitamente. “E’ esplosa – ha detto – nell’orario in cui di solito veniamo al lavoro, ma la prudenza ci aveva consigliato di usare i bus o spostarci a piedi. Così l’abbiamo evitata”.

islam aereoporto bruxlelles
L’aereoporto di Bruxelless distrutto dalla bomba

La responsabile della sede umbra a Bruxelles Maria Paola Simone e le sue colleghe Livia Menichetti, dello staff della Presidente Marini, e Valeria Todisco, sono subito riuscite a contattare e rassicurare le rispettive famiglie in Italia. Ora sono bloccate negli uffici. “In questo momento – ha aggiunto la funzionaria – la cosa più pericolosa che si potrebbe fare sarebbe muoversi”.

CONDIVIDI
, , , , , ,
ALTRE NOTIZIE
Latest Posts from