Sono lontani ormai i tempi in cui il parco Lungonera, sito nell’omonima via ternana, vedeva decine e decine di bambini giocare spensierati tra altalene e scivoli.

La fontanella con la vasca dei pesci era sempre in funzione, pulita e piena di pesci rossi che vi nuotavano.

Nonni e genitori felici di poter far trascorrere qualche ora all’aria aperta i propri nipoti e figli, vederli ridere e divertirsi tra di loro, farli dondolare sulle altalene o vederli correre a chi arrivava prima allo scivolo. E si portava sempre un pezzo di pane, per i pesci.

thyrus

Ora niente di tutto questo è più presente.

Erbacce in ogni dove che ingabbiano le panchine, rendendole inutilizzabili. Non si riesce più a vedere dove si cammina. Cartacce ovunque e la vasca dei pesci ormai non è altro che una vasca nera. Morta. E in tutta l’area gioco manca la rete di protezione sul parapetto. Ma tanto cosa importa, i bambini non ci sono più.

chiudete i giardini

I bambini di questa generazione, non sanno neanche che questo parco esiste, o meglio esisteva, e in teoria era stato costruito anche per il loro svago.

Gli abitanti del quartiere ovviamente protestano e a vederli a volte sembrano anche rassegnati. Rassegnati del fatto che potrebbero portare i propri bambini a divertirsi a due passi da casa ma che invece non possono, perché solo l’erba troppo alta è di per sé un problema, per non parlare del fatto che la sporcizia ed il fiume accanto potrebbero far annidare qualsiasi tipo di animale.

Insomma, ancora una volta, degrado e abbandono per gli spazi verdi della città, che invece potrebbero e dovrebbero essere una grande risorsa e finestra per ognuno di noi.

CONDIVIDI
, , , , , , , ,
ALTRE NOTIZIE
Latest Posts from