Prosegue l’odissea del Parco Cardeto, a Terni, senza trovare una soluzione.

I lavori al parco sono iniziati nel marzo del 2013, con la promessa che il “sacrificio” (parole dell’allora assessore Ricci) chiesto ai cittadini, sarebbe durato nove mesi. Ebbene sono passati esattamente tre anni e ancora non solo i lavori al parco non sono ancora conclusi, ma ad oggi non sappiamo neanche quando il parco Cardeto sarà restituito agli abitanti di Terni.

Nel maggio scorso si era parlato di una fine dei lavori entro l’estate 2016, ma come avvenuto con le promesse del 2013, l’estate è alle porte ed è ancora lunga la strada che va dalla situazione di lavori attuale a quella conclusiva.

cardeto chiuso da 2 anni
Gli striscioni appesi lo scorso anno dai residenti per cardeto chiuso da 2 anni

E’ vero, tanti sono stati gli intoppi che la ditta si è trovata a dover risolvere.

Già nell’aprile 2014, Sandro Citarei, titolare della Ciam affermava: “La rete idrica del parco ‘Bruno Galigani’, quella fognaria, quelle elettriche e del gas non erano proprio utilizzabili o recuperabili e, quindi, le stiamo praticamente rifacendo nuove”. Con l’inevitabile allungamento dei tempi “ed un notevole aumento del nostro impegno economico”.

La ‘Parco Cardeto’ si era aggiudicata la concessione che le permetterà di gestire il parco di Cardeto per 25 anni, a fronte di un impegno di spesa di un milione e 800 mila euro. Il problema è che già due anni fa si sono accorti che avrebbero dovuto aggiungerne ben 700 mila in più, proprio per i problemi insorti nella prima fase dei lavori. Per la società di gestione, insomma, questa faccenda si sta rivelando un ‘bagno’ economico non trascurabile.

cardeto 4

L’opera più imponente, tra quelle che stanno sorgendo a Cardeto è quella che ospiterà i due campi da tennis coperti: 1600 metri quadrati, interamente ricoperti da un impianto fotovoltaico da 200 chilowatt, che renderà il parco completamente autosufficiente sotto il profilo energetico. “Il progetto è stato approvato dal Coni – spiega il delegato provinciale, Stefano Lupi – e questo permetterà di organizzarvi anche manifestazioni sportive ufficiali”. Tanto più che, oltre agli spogliatoi, la palazzina dei servizi ospiterà anche delle ‘terrazze’ chiuse che potranno essere utilizzate per attività collaterali.

cardeto 12

Insomma, il progetto è ambizioso, tante idee, tante possibilità di utilizzo del parco, ma ad oggi? Cos’hanno i cittadini ternani dopo tre anni? Nulla, anzi solo tanti disagi dovuti all’ennesimo cantiere fermo che oltre a deturpare la vista, rende impossibile l’utilizzo dell’unica area verde della zona.

cardeto 9

Per questo i residenti del quartiere, riuniti in un comitato comunicato che sono intenzionati a “festeggiare” questa ricorrenza come si deve con una piccola festa, che si terrà il giorno 22 Marzo alle ore 21 di fronte AL CIVICO 145/D DI V/LE C. BATTISTI. 


<< L’incontro – si legge nel comunicato- vuole essere un momento di riflessione nel quale parteciperanno oltre ai cittadini, gran parte dei commercianti che hanno offerto con la loro sensibilità verso il quartiere varie specialità gastronomiche. Nella data in calce sono tre anni che il parco Galigani è chiuso, pertanto la festicciola non è un plauso verso le istituzioni che snobbano il quartiere, ma è una contestazione per la mancata riapertura del parco che molto probabilmente non riaprirà nei tempi evidenziati dalle maestranze.>>

Chissà se gli amministratori comunali sempre pronti a presenziare quando si tratta di festeggiare qualcosa saranno presenti a questa simpatica “festicciola “?

CONDIVIDI
, , , , , , , , , ,
ALTRE NOTIZIE
Latest Posts from