La battaglia è pronta, tanti sono i cittadini e i componenti del Comitato contro la realizzazione del nuovo acquedotto Scheggino – Pentima.

Un progetto da ben 20 milioni di euro che rifornirà con l’acqua dell’incontaminata Valnerina la città di Terni.

Si realizzeranno nove pozzi a circa 200 metri di profondità, cinque localizzati nel territorio comunale di Scheggino e quattro in quello di Ferentillo. Le captazioni della Valnerina serviranno a rifornire Terni di acqua attraverso un sistema di condutture articolato in 23 chilometri.

78861-799x600-500x375
Il Nera presso Scheggino

Le opposizioni però non vengono solo da cittadini e da Comitati, ma anche dalla politica.

Queste le parole di Melasecche pochi giorni fa quando si parlava di gara d’appalto: “Chiedo al sindaco di fare in modo che la gara per l’assegnazione dell’appalto di 20 milioni di euro avvenga nella massima trasparenza, evitando meccanismi impropri per favorire lobby consolidate con costi molto più elevati dei valori di mercato oggi praticati da tutte le imprese efficienti, che si riverberano poi nelle tariffe, cresciute negli ultimi quindici anni in modo eccessivo in una città storicamente ed orograficamente ricchissima di acque. Inoltre invito il primo cittadino a fornire quanto prima in consiglio comunale risposte certe in merito alla situazione quantitativa e qualitativa dell’acqua potabile a Terni, alle procedure seguite dal Sii per la realizzazione del nuovo acquedotto ed ai tempi previsti per la realizzazione dell’opera”.

16066016
Il fiume Nera è molto importante anche a fini turistici, visti i tanti appassionati di sport acquatici che lo frequentano

Insomma, insorgono dubbi, oltre che sull’effettiva necessità del nuovo acquedotto, anche sui metodi d’appalto.

Il Comitato contrario a tale progetto poi afferma: “diciamo no alla costruzione di un inutile quanto dannoso acquedotto che capterebbe 24.000 litri al minuto delle acque del fiume a 300 metri di profondità e senza applicare il principio di precauzione, potrebbe mettere a rischio la portata del Nera e la vita stessa della Valnerina” e contropropone: “l’attuale acquedotto del Ternano perde oltre il 40% dell’acqua, ma invece di intervenire sulle infrastrutture per limitare le perdite o investire sul turismo di qualità e la tutela ambientale si preferisce, irresponsabilmente, la logica dell’attacco ai beni comuni, la depredazione del territorio per captare più che l’acqua fondi europei, regionali e i soldi degli utenti tramite le bollette idriche”.

nera2
La maestosa portata del Fiume Nera, il 7° in Italia per portata d’acqua

Venerdì scorso a Ferentillo è stata organizzata una partecipata assemblea pubblica, mentre la prossima è in programma ad Arrone, anche se lo stesso comitato ha già reso noto di essere al lavoro per indire una grande manifestazione popolare a Terria per continuare ad urlare il proprio no a questo nuovo grande e forse devastante progetto.

CONDIVIDI
, , , , , , , , ,
ALTRE NOTIZIE
Latest Posts from