Ancora un week end all’insegna del maltempo, con forti venti piogge e neve a bassa quota. Questa volta a causa di Venezia Low, una bassa pressione, o ciclone, che viene a formarsi sull’alto Adriatico. La sua formazione, rara, porta sempre diffuso maltempo al Nordest a causa dello scontro micidiale tra aria fredda proveniente da Nordest e l’aria mite proveniente da Sud, senza tener conto delle acque del mare che sono relativamente calde rispetto all’aria esistente. Nel pomeriggio di ieri sono arrivate le prime precipitazioni sulle Alpi, che si sono poi estese nella notte a Prealpi e Valpadana, dove hanno assunto carattere temporalesco e, in alcune zone, unite a grandine e forti raffiche di vento.

Nella giornata di oggi il vortice su Venezia Low piloterà il fronte freddo verso il Centrosud che verrà spazzato da rovesci, temporali, localmente intensi e grandinigeni, accompagnati da un deciso rinforzo della tramontana e del maestrale e un netto calo termico; torna la neve sull’Appennino fin sotto i 1000m.

pioggia

Maltempo anche al Nordest, in graduale attenuazione, migliora invece al Nordovest.

Previsto forte peggioramento anche nella zona centro orientale con rovesci di neve in collina tra Veneto, Emilia orientale, Romagna ed entro il primo pomeriggio anche sulle alte Marche. Non esclusi fiocchi a tratti fino in pianura durante i rovesci più intensi, comunque senza accumulo, in particolare tra veneziano, padovano, rodigino, ferrarese, modenese, bolognese e Romagna interna.

Sulla nostra regione la giornata di venerdì 4 marzo inizierà con il sole e le gelate, poi nubi in aumento e qualche piovasco in serata, specie sui settori settentrionali. Molte nubi e piogge frequenti sabato 5 marzo con quota neve in risalita fin sui 1400 – 1600 metri di quota, domenica 6 marzo ancora molte nubi e precipitazioni sparse con quota neve in calo fin sui 1200 metri.

CONDIVIDI
, , , , , , , , , , ,
ALTRE NOTIZIE
Latest Posts from