INQUINAMENTO SMOG PM10, NON PORTANO SOLO TOSSE UN VIDEO SPIEGA GLI EFFETTI: basta targhe alterne e blocchi alla circolazione, serve altro.

Targhe alterne, blocchi estemporanei del traffico e danze della pioggia non  fermano l’inquinamento atmosferico, le iniziative messe in campo in questi giorni dai sindaci delle città italiane per fronteggiare il superamento dei limiti di legge costantemente superati dallo smog, non sono sufficienti, e Terni ne è il tipico esempio.

SMOG AUTO

D’altronde se si fa finta di niente per un anno intero e ci si ricorda delle polveri sottili soltanto quando le avverse condizioni meteorologiche ne fanno emergere la criticità  non c’è speranza. E gli inverni dei prossimi anni non saranno diversi da questo e dai precedenti. È il modello di mobilità e di sostenibilità ambientale degli impianti industriali a mandare in crisi la qualità dell’aria e il modello non lo si cambia continuando a rispondere con misure tipiche di una logica emergenziale. Un problema complesso non può continuare ad essere affrontato con targhe alterne o blocchi estemporanei della circolazione. Per scoprire che non servono a nulla, non c’è bisogno di sperimentarli. Sarebbe sufficiente prendersi la briga di leggere i dati di inquinamento della domenica: almeno il 30-40% di riduzione del traffico e nel migliore dei casi il 15-20% di PM10 in meno. Spesso neppure un punto percentuale, perché le condizioni meteorologiche vanificano gli interventi emergenziali.

inceneritore NOTTE

Ci si aspettava qualcosa di meglio in fatto di qualità dell’aria che respiriamo dopo le piogge di questi giorni invece stando almeno ai risultati di sabato 2 gennaio la situazione non è molto confortante, ci si aspettava infatti che la perturbazione determinasse un andamento migliore e un calo consistente delle polveri. Invece l’unico fattore che al momento potrebbe rappresentare l’antidoto più efficace sarebbe un forte vento che, al di là della pioggia, in tempi brevi inizi a spirare, spazzando via le polveri sottili.

Questi aspetti sono ormai noti da tempo e non si capisce il motivo per cui i nostri politici ed amministratori non si attivino per predisporre delle misure concrete seguendo dei criteri scientifici per eliminare o almeno diminuire gli effetti dei fattori inquinanti sulla popolazione.

Effetti che sono devastanti, e soprattutto incontrovertibili, come spiega in modo chiaro il Dott. Stefano Montanari, direttore scientifico del laboratorio Nanodiagnostics e studioso di nanopatologie, vale a dire le malattie da micro e nanopolveri, che in un video illustra il processo di formazione e le conseguenze per la salute, un video che invitiamo tutti a vedere, in particolare lo dovrebbero vedere i nostri amministratori:

Queste informazioni sono pubbliche da diversi anni, tutti gli studiosi ne sono a conoscenza, ma qualcuno a Terni si ostina a dire che gli inceneritori non sono un problema, che incidono solo per l’1% sull’inquinamento da PM10, dimenticando tutte le considerazioni sulle particelle più sottili prodotte proprio dalla combustione, ovvero la reazione chimica che avviene in un inceneritore, che come la legge di Lavoisier ci insegna, non diminuisce la massa complessiva di quello che viene bruciato, ma la trasforma, quello che esce dall’inceneritore ha cioè la stessa massa di quello che è stato bruciato . La differenza è che questa massa è formata, oltre che per un terzo da ceneri, che devono comunque essere messe in discarica, per gli altri due terzi da polveri sottili e ultrasottili, che si disperdono in atmosfera e che sono estremamente dannose per la salute. Tra l’altro, per aiutare la combustione, vengono aggiunti altri elementi come bicarbonato, acqua, ammoniaca, gesso per un quantitativo pari alla spazzatura da bruciare. Ci ritroviamo, quindi, non ad avere eliminato la spazzatura , ma, bensì, ad averne raddoppiato il volume e ad averlo immesso in atmosfera in forma di polveri estremamente dannose. Le polveri che vengono filtrate dai filtri sono le PM10 e le PM2,5, ma dall’inceneritore escono polveri anche molto più sottili, le PM 1, PM 0,1, Pm 0,01 che data la loro dimensione (un granello di polvere PM 0,01 equivale a un miliardo di granelli di uno della dimensione PM10) penetrano in profondità nell’organismo umano, vengono trasportate dal sangue e si fermano a caso in qualsiasi organo.

inceneritore  PARTICELLE
Le polveri che vengono filtrate dai filtri sono le PM10 e le PM2,5, ma dall’inceneritore escono polveri anche molto più sottili, le PM 1, PM 0,1, Pm 0,01 che data la loro dimensione penetrano in profondità nell’organismo umano, vengono trasportate dal sangue e si fermano a caso in qualsiasi organo.

Ma a Terni sembra che tutto questo non importi a nessuno, e come dice qualcuno gli inceneritori continuano a bruciare di tutto “a tutta callara”!

Ripetiamo che queste sono tutte informazioni e dati noti ed arcinoti, pubblicati su riviste scientifiche o in convegni scientifici sul tema, come ad esempio questo documento che pubblichiamo integralmente tratto da una relazione fatta al 7° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse – Bologna, 8-9 febbraio 2008 dallo stesso Stefano Montanari – Nanodiagnostics – Modena e da Antonietta M. Gatti – Laboratorio dei Biomateriali – Università di Modena e Reggio Emilia, scaricabile a questo link:

http://www.stefanomontanari.net/sito/images/pdf/tosse.pdf

INQUINANTI ATMOSFERICI, NON SOLO TOSSE .

Qualche appassionato di un certo tipo di musica potrebbe, magari, ricordare una canzone di Woody Guthrie risalente al 1938 intitolata “Dust Pneumonia Blues”, vale a dire il blues della polmonite da polvere, e, chissà, potrebbe anche ricordare come il medico che compare nel testo non dia speranza di lunga vita al protagonista. Del resto, pronosticare altrimenti negli anni Trenta, nella zona centro-meridionale degli Stati Uniti chiamata popolarmente Pan Handle, il manico della padella, dove i maschi morivano mediamente a 58 anni e le donne a 62, avrebbe significato sfidare la statistica. In quegli anni e in quei territori imperversarono a lungo vere e proprie tempeste di vento e la sabbia che costituiva, allora come oggi, lo strato più superficiale del suolo veniva sollevata, trasportata in atmosfera e, per forza di cose, inevitabilmente inalata. Tosse stizzosa e una condizione irritativa a livello bronco-alveolare che simulavano una polmonite, non di rado seguite da uno stato di delirio erano i sintomi più vistosi, e la morte sopravveniva per insufficienza respiratoria. La terapia, a dir poco rozza, era puramente sintomatica: spugnature fredde per dominare la febbre e dita incrociate. Qualcuno si salvava; molti, no. Restando negli Stati Uniti, quando l’11 settembre 2001 crollarono a New York le Torri Gemelle, quantità immense di polvere invasero l’atmosfera della città. L’EPA, l’ente di protezione ambientale statunitense, in qualche modo e con le dovute proporzioni omologabile alla nostra ARPA, si affrettò immediatamente a rassicurare tutti comunicando che quella polvere non costituiva alcun pericolo per la salute. Alla base di un’affermazione del genere non c’era nulla di scientifico e neppure c’erano i più elementari rilevamenti ambientali, ma fu così che pompieri, gruppi di soccorso istituzionali, diversi corpi organizzati di volontari e persone che si prestavano più o meno occasionalmente si misero all’opera per cercare eventuali superstiti imprigionati sotto i cumuli di macerie e poi per sgombrare l’area interessata. Fidando nelle parole tranquillizzanti dell’EPA, nessuno indossava guanti, abiti adatti alla circostanza e nemmeno una maschera a protezione di bocca e naso. Fu solo dopo parecchi giorni che si cominciarono a vedere le prime bombole e i primi respiratori, ma nessuno era stato addestrato ad impiegare quelle apparecchiature e così la loro efficacia fu drasticamente ridotta dall’ignoranza dei potenziali utilizzatori. Nessuno, poi, fu informato sul fatto che, portando gli abiti impolverati a casa, questi sarebbero stati un efficace veicolo per introdurre le polveri in ambiente domestico. Né ci si premurò di far spegnere gl’impianti di condizionamento dell’aria i cui filtri e le cui condutture si sporcarono e s’intasarono rapidamente. Come è ovvio che accada in condizioni del genere, tutti cominciarono a soffrire di tosse, una tosse persistente ribelle a qualsiasi trattamento farmacologico. E non furono soltanto i soccorritori a soffrirne, ma, in modo più o meno intenso, gran parte della popolazione di New York. Va detto che molto spesso alla tosse si accompagnavano sintomi diversi e disomogenei, dalla piressia a disturbi gastrointestinali che potevano andare dalla nausea alla dissenteria, ad attacchi di asma a faringotracheiti fino a turbe neurologiche che agivano da elementi confondenti per una diagnosi corretta. Per valutare quella polvere occorre ricordare che due aerei attraversarono le Torri disintegrandosi, che quegli aerei contenevano, come molti velivoli, contrappesi di uranio impoverito e che questo metallo, stante la sua piroforicità, genera all’urto una temperatura che supera i 3.000 °C. E occorre pure ricordare che di lì a poco altri edifici ormai pericolanti furono abbattuti con un’ulteriore aggiunta di polveri alla già satura atmosfera. Il coinvolgimento di milioni di tonnellate dei materiali più disparati, dove forse sarebbe difficile individuare un elemento contenuto nella tavola periodica che non fosse presente, mantenne alta la temperatura per tempi lunghissimi, tanto che oltre un anno dopo i resti restavano ancora fumanti, e, dunque, le combustioni continuarono. Una nozione fondamentale per la comprensione dei fenomeni che da qui originarono è che tutte le combustioni, nessuna esclusa, generano gas e polveri e che, in generale, le polveri sono tanto più fini quanto più è alta la temperatura alla quale si sono formate. A 3.000 °C la maggior parte dei materiali sublima per poi ricondensare nuovamente sotto forma particolata nel giro di pochi secondi, e quelle particelle hanno una composizione che dipende dagli elementi che si sono trovati casualmente a collidere. Alcuni di quei granelli sono veri e propri composti chimici; nella grande maggioranza, invece, sono leghe introvabili in qualsiasi manuale di metallurgia proprio per la maniera tutt’altro che deliberata con cui si sono generate. I gas che escono dalle combustioni sono in larga misura anidride carbonica, ossidi d’azoto, ossidi di zolfo, ammoniaca e un’enorme varietà di gas organici (i cosiddetti NMVOC o Non-Methane Volatile Organic Compounds) la cui composizione deriva da ciò che è occasionalmente entrato nella reazione chimica. Dunque, quando la combustione non è strettamente controllata in ogni sua componente come, magari un po’ ottimisticamente, avviene invece in certi procedimenti industriali, di questi gas manca sempre una caratterizzazione chimica, se non per un’infima frazione. Ognuna di queste sostanze gassose esplica un’attività nociva sulle vie respiratorie e, naturalmente, la tosse è spesso il primo segno della risposta all’aggressione. I gas, almeno quelli non organici, reagendo con il vapore d’acqua atmosferico, si trasformano in acidi per loro stessa natura nocivi all’albero respiratorio, e favoriscono la formazione di ozono, una forma allotropica dell’ossigeno che esplica notoriamente un’attività irritante a carico delle vie respiratorie dove induce una risposta infiammatoria insieme con alterazioni della permeabilità tanto degli epiteli di rivestimento quanto degli endoteli vascolari. Le alterazioni combinate determinano una riduzione della funzione polmonare e la comparsa di iper-reattività bronchiale, potendo arrivare ad una possibile insorgenza di edema polmonare. Ma uno dei problemi più gravi, di cui solo da poco si comincia, e con circospezione, a tener conto è la formazione di quelle che si chiamano polveri secondarie. I gas di cui si è detto entrano in contatto con l’umidità atmosferica, con l’ozono, con i tanti radicali liberi sospesi in aria e, grazie alla catalisi della frazione ultravioletta della luce solare, si condensano formando, appunto, altre polveri. Queste particelle secondarie che nascono spesso ad una distanza di chilometri dall’origine possono superare in massa anche di 6-8 volte la quantità generata primariamente dalla combustione e hanno come aggravante il fatto di poter trasportare, adesi alla loro superficie, altri inquinanti come, ad esempio, le diossine, i furani, i policlorobifenili, gl’idrocarburi policiclici aromatici e quant’altro. Tutte queste polveri, primarie e secondarie, hanno la capacità di restare sospese in atmosfera e di compiere tragitti anche relativamente lunghi, e di particolare interesse sono le particelle inorganiche in lega di cui si è fatto cenno. Stante la loro composizione, queste non sono quasi mai biodegradabili e, dunque, permangono nell’ambiente in pratica in eterno. La loro dimensione varia da qualche decina di micron giù fino alle decine di nanometri e il loro comportamento è tanto più assimilabile a quello dei gas quanto minore è la loro grandezza. Per questo, una polvere del genere nata in un determinato punto geografico può essere poi rintracciata anche a migliaia di chilometri di distanza. Basti pensare alla sabbia del Sahara, di dimensioni enormi (una sessantina di micron) rispetto alle micro e nanopolveri di nostro interesse, che si trova sotto forma delle cosiddette “piogge rosse” in Europa e perfino sulle coste orientali nordamericane. Oppure ai pollini, ancor più grossolani, che, come ogni paleontologo sa, viaggiano dall’Europa al continente antartico dove si ritrovano imprigionati nel ghiaccio. A proposito di dimensioni, è opportuno considerare come si valutano le polveri presenti in atmosfera. Semplificando un po’, si prende un metro cubo d’aria, si separano le polveri presenti e si eliminano tutte quelle che hanno un diametro aerodinamico equivalente superiore ai 10 micron. Il diametro aerodinamico equivalente è il diametro di una particella sferica avente densità unitaria (1 g/cm3 ) e un comportamento aerodinamico uguale (in pratica stessa velocità di sedimentazione) a quello della particella considerata, nelle stesse condizioni di temperatura, pressione e umidità relativa. A questo punto, tutto il particolato solido di dimensione aerodinamica equivalente uguale o inferiore a 10 micron (il cosiddetto PM10) viene valutato in massa in quel metro cubo e, per legge, questa massa non può superare i 40 microgrammi a pena di sanzioni nei riguardi della comunità che ha provocato l’instaurarsi dell’inquinamento. Valutare in massa significa attribuire un valore via via rapidamente decrescente alle particelle progressivamente più minute, dato che, per motivi di geometria elementare, una particella da 10 micron di diametro equivale in massa a 1.000 particelle di diametro 1 micron o ad un milione di particelle di diametro 0,1 micron. Dunque, pesare significa omologare una particella da 10 micron di diametro ad un milione di particelle di diametro appena cento volte inferiore. È un dato di fatto, però, che più la particella è piccola, maggiore è la sua capacità d’insinuarsi nell’organismo. Polveri grossolane, tra i 5 e i 10 micron di diametro, pur potendolo fare come nel caso citato della Dust Pneumonia, faticheranno assai di più ad introdursi nell’albero respiratorio di quanto non facciano le polveri di calibro inferiore, e i nostri studi, corroborati da quelli ormai divenuti frequenti di altri centri di ricerca, dimostrano che particelle nanometriche sono in grado di transitare dall’alveolo polmonare al torrente circolatorio entro poche decine di secondi. Dal sangue, dove, in soggetti predisposti, le polveri innescano fenomeni ipercoagulativi, a tutti gli altri tessuti dell’organismo il passaggio è questione di decine di minuti e – ormai la nostra casistica è ricca di parecchie centinaia di esempi – è chiaro come queste particelle, nella maggior parte dei casi non biodegradabili né biocompatibili, inducano reazioni infiammatorie tipiche del corpo estraneo con tutte le conseguenze note in medicina che una forma patologica del genere, cronicizzata, è capace d’indurre. Il nostro laboratorio ha in diverse occasioni fotografato al microscopio elettronico a scansione di tipo ambientale (FEG-ESEM) particelle insinuate nel nucleo di cellule senza ledere la membrana cellulare né indurre apoptosi, così come ha individuato particelle di natura esogena in diversi feti malformati, indizio di un passaggio del tutto possibile tra madre e feto. Dunque, valutare l’inquinamento particolato limitandosi a misurarne la massa non dà indicazioni particolarmente utili sulla sua eventuale patogenicità. Dal punto di vista sanitario, la misura sarebbe significativa se le polveri fossero ordinate in classi dimensionali (meglio ancora, valutando anche il rapporto tra volume e superficie), le particelle di ogni classe fossero contate, e si attribuisse loro una caratterizzazione chimica. Riguardo quest’ultima caratterizzazione, si tenga a mente il fatto che esistono composti chimici o elementi (ad esempio il nichel) capaci d’indurre stati allergici, eventualmente con asma, e la tosse può essere una delle manifestazioni precoci e vistose di una simile situazione. È ovvio che l’organismo cerca di mettere in atto condizioni di difesa verso questo attacco esterno, e un mezzo eccellente è quello della tosse, capace di espellere meccanicamente quote anche ragguardevoli di particolato. Come accennato all’esordio, moltissimi abitanti di New York hanno sperimentato per periodi più o meno prolungati una tosse persistente e ancora oggi, a distanza di oltre sei anni dall’episodio che ha innescato la patologia, non pochi, anche tra coloro che non hanno ricevuto cure mediche, continuano a manifestare il sintomo. Un problema di portata tutta da indagare con maggiore approfondimento, tuttavia, è quello dell’aggressione da polveri in cui non subentri la difesa della tosse. Quando l’esposizione è meno acuta e meno rilevante dal punto di vista della densità delle polveri nell’aria inalata, queste, soprattutto se le dimensioni sono nanometriche, vengono inalate per restare solo un tempo brevissimo all’interno dell’alveolo polmonare e il riflesso della tosse non viene sollecitato o, per lo meno, non lo è in maniera incisiva. L’unica difesa, peraltro solo parziale, resta quella di atti respiratori efficaci e di cellule con ciglia vibratili in grado di evacuare il muco e di far espettorare il soggetto. Per la frazione di poveri che saranno state capaci di raggiungere l’alveolo, invece, non sarà più possibile alcun tipo d’intervento di “pulizia”. Accade, dunque, che l’albero bronchiale costituisca solo un distretto di passaggio per le micro e, soprattutto, per le nanopolveri, e di queste, pur inalate, vi si trovi poca o nessuna traccia ad eventuali indagini bioptiche o autoptiche. Condizioni patogenetiche simili si riscontrano sempre più frequentemente in tutto il Pianeta. Se è vero che la Natura è una produttrice di polveri – e lo è, per esempio, attraverso i vulcani attivi, con gl’incendi boschivi, con la sabbia sollevata dal vento – è altrettanto vero che quelle polveri sono relativamente scarse e molto grossolane. Sono le polveri di origine antropica, quelle generate dall’impiego di calore diventato sempre più accessibile dalla Prima Rivoluzione Industriale settecentesca, a costituire un grave pericolo per la salute. Queste sono quantitativamente soverchianti rispetto a quelle naturali non solo in massa ma anche, e in particolare, per numero, essendo quasi sempre di dimensioni di gran lunga inferiori. Inoltre, la loro composizione chimica comprende non di rado elementi dotati intrinsecamente di grande tossicità (mercurio, piombo, arsenico, cadmio, ecc.) a differenza della maggio parte delle polveri naturali costituite spesso principalmente da silicio, magnesio, calcio e sodio. I produttori più rilevanti di questi inquinanti antropici sono i motori a scoppio, gl’inceneritori (indipendentemente dalla tecnologia impiegata), i cementifici, le fonderie e, non ultima, almeno in certe zone, i poligoni di tiro e la guerra con le esplosioni che le azioni correlate comportano. Pur fuori di quel contesto, notevole è anche l’apporto del tabacco da fumo sulle cui foglie si posano, concentrandosi con l’essiccazione che precede il consumo, polveri in quantità rilevante. Di questo tipo d’inquinante occorrerà senz’altro tenere conto nelle valutazioni dei danni da tabagismo. Da anni il nostro laboratorio è impegnato nella ricerca di frontiera in questo campo che studia le interazioni tra polveri ed organismo ed è nel suo ambito che si sono scoperte le interazioni tra organismo e particelle inorganiche da questo sequestrate a livello tessutale.

7° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse – Bologna, 8-9 febbraio 2008